Federazione Italiana Mercanti d'Arte

Susanna e i Vecchioni

Scuola Emiliana del '600

"Susanna e i Vecchioni"
Scuola Emiliana
Olio su tela
Cornice laccata coeva
Epoca metà del '600
Tela  126 x 182
Cornice  138 x 195 
Ottime  condizioni
               
La grande tela, fortemente suggestiva e scenografica, raffigura la scena del celebre episodio biblico di "Susanna e i Vecchioni" narrato nel capitolo 13 del Libro di Daniele.
 La vicenda fu molto rappresentata dai maestri della pittura antica a partire da Cinquecento, poichè essa si prestava all’esaltazione di immagini sensuali e dai risvolti erotici più o meno evidenti, con l'ostentazione delle nudità femminili spesso in pose provocanti e fortemente licenziose, in totale contrasto con la moralità di quell'epoca.
 I quadri, quasi sempre di dimensioni importanti e spesso a grandezza naturale, potevano essere esposti nei palazzi, anche ecclesiastici, con un pretesto di connotazione religiosa, a copertura di un desiderio di visione pornografica.
Di fatto, i maggiori artisti di tutta Europa si misurarono con questo tema che si prestava a dare ad ognuno la propria personale lettura dell' episodio.
La nostra opera rispecchia proprio tutti i canoni estetici richiesti dalle importanti committenze nobiliari e religiose per arredare i loro sontuosi palazzi rinascimentali e barocchi.
La sua collocazione artistica è facilmente riconoscibile nel '600 Emiliano con gli efficaci effetti di luci e ombre ed i colori decisi e contrastanti che accentuano una volumetria molto evidente.
La figura seminuda della bellissima protagonista è irradiata di luce ed attrae in modo perentorio lo sguardo dello spettatore, che solo in un secondo tempo può gustare le figure dei due vecchi lascivi, uno barbuto seminascosto e l'altro in primo piano con delle vesti riccamente decorate, per poi perdersi nella visione del giardino con l'imponente fontana.
La pelle candida della casta Susanna si illumina al centro della tela ed offre il seno nudo in una posa frontale con il viso ritratto di profilo e rivolto con apprensione verso i duo vegliardi.
La guancia è arrossata, segnata da un pudico imbarazzo, che evidenzia la sua vergogna di fronte alla inaspettata violazione della propria intimità.
E' opera intrigante e di grande effetto a parete che si presta ad essere inserita con un'ottimo risultato in qualunque ambiente, sia nel privato di una stanza da letto che in un salone per diventare interessante argomento di conversazione.
Susanna contattaci
  indietro

Dipintiantichi

vedi galleria

Oggetti d'arte

vedi galleria

Mobili

vedi galleria